°°Il primo sito internet biancoscudato°°aaaaaaaaaasssaa In rete dal Marzo 2000aaaaaaaaaaaaa Pagine visitate nel mese di Ottobre 2005 [8.442]
 
 
> Storia
> Archivio fotografico
> Interviste
> Cori
> Comunicati
> Mailing List
> Merchandising
 
 
La Storia degli Ultras

Il primo gruppo organizzato nasce a Caltanissetta nel 1976 ad opera di alcuni simpatizzanti del volley, con il nome di Commandos Tigre. L'anno seguente cambiano il nome in Commandos Biancoscudato e si sistemano in tribuna. E' il 1977 e la Nissa gioca nel campionato di promozione; nello stesso anno nascono le Brigate Gradinata (dal nome del settore che occupano) con tendenze di sinistra. Nel 1978/1979 la Nissa vince il campionato e vola in serie D; in quell'anno si vedono per la prima volta allo stadio Palmintelli le bandiere, i fumogeni e le sciarpe. Si va avanti con questi due gruppi che continuano ad occupare due settori diversi fino al 1983, quando con la Nissa in serie C2 si verifica la fusione tra il Commando (che l'anno prima aveva cambiato il nome in Ultrà Nissa) e le Brigate. Il Nuovo gruppo si chiamerà Brigate Ultrà Nissa e prenderà posto nel settore già occupato dalle Brigate Gradinata. Più di 400 tesserati che seguono la Nissa ovunque, in particolare nelle storiche trasferte di Licata, Trapani, Agrigento, Rende, Gela, Siracusa, rendono il gruppo tra i più forti della Sicilia. Sono gli anni dei gemellaggi con i tifosi del Licata, dell'amicizia con quelli di Messina e Trapani e della rivalità con quelli di Siracusa, Agrigento e Canicattì. Dal 1987 al 1988 il gruppo si sfalda per le note vicende societarie sfociate poi nella retrocessione della squadra. In quegli anni nascono e muoiono vari gruppi (Indians, Drunkards etc. ) che però non lasciano il segno. Si arriva così alla fine degli anni '80, quando la coraggiosa iniziativa dell'indimenticabile presidente Valerio Terenzio segna il ritorno dell'entusiasmo della città verso la propria squadra, il tutto condito da una bella promozione!! Nascono così i Furiosi e i Fedayn che accompagneranno l'amara esperienza di Terenzio a Caltanissetta e continueranno ad essere presenti, con alterne vicende anche sugli spalti del nuovo stadio Pian del Lago; Nel 1990 la Nissa vince quindi il campionato e famoso resta il gemellaggio con i tifosi di Sciacca e gli scontri costanti con quelli di San Cataldo (piccolo comune alle porte di Caltanissetta). Con la gestione Privitera gli Ultrà non sono mai entrati in simbiosi e vari sono gli episodi di contestazione (il più eclatante fu quello che vide gli ultrà salire la domenica sulla montagnetta che sovrasta lo stadio Palmintelli, per incoraggiare i giocatori e insultare il presidente privandolo dei soldi dell'incasso) dovuti anche alla militanza della Nissa in campionati poco adeguati. Quest'anno grazie al presidente Benedetto Campanella è stata rifondata la società e nonostante il fatto che la squadra militi in promozione alcuni gruppi si sono riavvicinati alla Nissa seguendo la squadra a Licata, Barrafranca, Fasanò, Enna ed Adrano in 400 circa. Tifo da serie C, a detta di quanti ci hanno visto, ma gli ultras nisseni hanno sempre pensato in grande qualunque sia la categoria nella quale la squadra militi.

E.A.

nissa fc