°°Il primo sito internet biancoscudato°°aaaaaaaaaasssaa In rete dal Marzo 2000aaaaaaaaaaaaa Pagine visitate nel mese di Ottobre 2005 [8.442]
 
 
> Storia
> Archivio fotografico
> Interviste
> Cori
> Comunicati
> Mailing List
> Merchandising
 
 
La Storia della Nissa

Premessa

In questa sezione cerceremo di fornirvi una panoramica più ampia possibile sulla storia della Nissa liberamente tratta da giornali e periodici d'epoca. Siamo aperti a qualsiasi suggerimento anzi ne abbiamo bisogno.
Vi ricordiamo che le nostre pagine sono Copyright Free quindi non abbiamo intenzione di pagare Nessuno per i testi riportati.
Buona lettura.


Gli Anni Tristi


L'inizio dell'attività calcistica e non organizzata, risale al primo dopoguerra quando nemmeno c'era un campo di calcio e lo spiazzale dei cappuccini, in fondo al piano delle botteghelle, vale a dire l'odierno viale Margherita, accoglieva i pochi appassionati. Poi, intorno al 1930 Caltanissetta partecipa con una squadra ufficiale, la Nissena, ai campionati federali: prima divisione, serie C. erano questi i tornei accessibili in un periodo in cui la B era ancora a due gironi e la serie A un lusso che poteva permettersi solo il Palermo. Ma di questo periodo eroico, nel quale storia e leggenda si intrecciano e si confondono, coi sarà tempo di parlare a parte, costituendo esso un'epoca irripetibile, per la squadra e per la città, tragicamente conclusa negli eventi bellici. Gli anni tristi della guerra vedono la interruzione d'ogni attività, compresa ovviamente quella calcistica federale, e la scomparsa, quindi, della Nissena che era stata, nel periodo prebellico, compagna di torneo di società quali Catanzaro, Prato, Salernitana, Cosenza, Trapani, Siracusa.
La resurrezione ha una data precisa: settembre 1949. Ma era stata preceduta da una serie di eventi che potremmo definire premonitori della ripresa del calcio con un'organizzazione cittadina. Perché una squadra, sia pure organizzata, seguita, voluta e diretta da altri Caltanissetta, anche in questi anni tristi dell'immediato dopoguerra, l'ebbe ugualmente. Si chiamava Sabaudia ed era allenata da un tal Servetto, militare come tutto l'apparato che vi ruotava intorno. Partecipò, e con successo, quella squadra che a Caltanissetta aveva la sua base, ma ben poche cose in comune con la popolazione, al campionato misto nazionale e sfiorò, nella stagione 1944/1945, il titolo isolano, vinto dal Palermo che era fra le poche siciliane a giocare nel medesimo campionato. Le altre o non c'erano o stavano più giù..

Continua...

nissa fc